Hai paura del buio" è il nuovo film di Massimo Coppola con

Hai Paura del buio: foto e clip dal nuovo film di Massimo Coppola | CineZapping





Video no image

Published on luglio 23rd, 2010 | by Elide Messineo

1

Hai Paura del buio: foto e clip dal nuovo film di Massimo Coppola

Hai paura del buio” è il nuovo film di Massimo Coppola con Alexandra Pirici ed Erika Fontana, qui la sinossi ufficiale:

Bucarest è una metropoli molto diversa da come la si immagina, così come Eva, vent’anni, dolce e orgogliosa come un’eroina della nouvelle vague, è molto diversa dall’idea che abbiamo delle “immigrate” rumene.

Eva esce dalla fabbrica per l’ultima volta – non le hanno rinnovato il contratto – e decide che è giunto il tempo di partire. La sua meta è Melfi, sperduto paese dell’entroterra meridionale italiano, noto per l’enorme insediamento della FIAT che, come uno spazio ritagliato da un altro tempo e un altro mondo, seziona i campi neri, definendo con essi una cicatrice aperta tra la civiltà contadina e quella postindustriale.

Trovata ospitalità da Anna, una sua coetanea che lavora alla FIAT, Eva inizia a seguire un gruppetto di donne, poi tra queste ne sceglie due, infine una sola. Eva diviene la sua ombra, ne spia ogni movimento, ne conosce alla perfezione abitudini e occupazioni.

Eva decide che è tempo di affrontare la sua preda in un faccia a faccia drammatico, un gioco al gatto e al topo in cui Eva è torturatore spietato e vittima inerme al tempo stesso.

Eva e Anna sono finalmente vicine, finalmente libere; ma se Eva ha compiuto il suo percorso, quello di Anna è solo all’inizio…

Vi mostriamo una clip e qualche immagine dal film, date un’occhiata e diteci cosa ne pensate!

Tags: , , , , , , , , , ,


About the Author



One Response to Hai Paura del buio: foto e clip dal nuovo film di Massimo Coppola

  1. marika says:

    il film fa una descrizione erronea dei luoghi in cui è stato girato. Melfi nn è un paese sperduto dell’entroterra meridionale. L’economia del sud è la risultante di svariate attività produttive tra le quali rientra anche l’agricoltura(unico settore nominato nella recensione del film) la quale viene praticata cn mezzi meccanici e chimici idonei a fornire un prodotto concorrenziale.Pertanto l’arretratezza evidenziata nel film nn ha alcun riscontro oggettivo.

Commenta il post

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to Top ↑