Varie

Published on novembre 2nd, 2011 | by alessandro ludovisi

0

11 metri: il film su Agostino Di Bartolomei, presentato al Festival del Cinema di Roma

Erano esauriti da tempo i circa 800 posti della Sala Petrassi che, al Festival Internazionale del Film di Roma, ha ospitato la proiezione del documentario “11 metri”, diretto da Francesco Del Grosso, su Agostino Di Bartolomei, indimenticabile capitano della Roma dello scudetto (1983). Nel 1994, Ago, come veniva chiamato affettuosamente dai suoi tifosi, si tolse la vita. Ancora oggi sono poco chiare le dinamiche che hanno portato il calciatore a compiere l’estremo gesto: Di Bartolomei si sparò un colpo al cuore nella sua casa di San Marco di Castellabate, a soli trentanove anni.

11 metri | © Romacinemafest

Un documentario, quello realizzato da Del Grosso (presentato nella sezione extra del Festival), che ricerca  la verità, rendendo omaggio   a un uomo,  un calciatore sentitosi tradito dal suo stesso ambiente e lasciato forse colpevolmente solo. Sul red carpet hanno sfilato molti ex giocatori, colleghi di “Ago“, da Roberto Pruzzo a Ubaldo Righetti a Odoacre Chierico. Hanno risposto in maniera positiva all’invito anche Massimo D’Alema, Antonello Venditti e Carlo Verdone. Quest’ultimo si è reso protagonista di una polemica con i calciatori della Roma Daniele De Rossi e Francesco Totti:” Peccato, potevano venire. Ci sono io e non loro”. Eppure in tanti hanno voluto dare il loro “saluto” al talentuoso centrocampista che, e forse non è una casualità, si è tolto la vita dieci anni dopo la finale di Coppa dei Campioni che la Roma perse a casa con il Liverpool. Undici metri è un film che scava sul Di Bartolomei uomo, ancora prima che sul campione:

«Vado alla ricerca dell’uomo – precisa Del Grosso – attraverso le testimonianze di chi l’ha conosciuto. Più che un diario intimo, il mio è un road movie emozionale, un incrocio di luoghi e di persone per capire di più su quella morte avvenuta il 30 maggio, a dieci anni esatti dalla finale della Coppa Campioni persa dalla Roma contro il Liverpool ai rigori. Solo un caso?». 

Il progetto del film è nato grazie al produttore Daniele Esposito che incontrò Marisa, la moglie di Ago, nei pressi di Castellabate (il paese in cui è stato girato “Benvenuti al Sud”). In seguito è stato contattato Del Grosso che si è subito messo al lavoro. Un impegno difficile, lungo e impegnativo: trentanove interviste, settanta ore di materiale d’archivio, sei mesi di montaggio. Quello che ne viene fuori è un documentario di valore che fa riflettere, e molto, sul mondo del calcio:

“Il mondo del calcio avverte un grande senso di colpa per quel che è successo, anche se il film non è un’apologia di Agostino – conclude il regista -. Nelle interviste sono evidenti le sue passioni come anche le sue paure, un orgoglio e un pudore che gli impedivano di chiedere”.

Sono passati diciassette anni da quel tragico giorno di maggio in cui Agostino Di Bartolomei decise di farla finita. Ma il suo ricordo resterà vivo nella testa di milioni di tifosi e avversari a cui ha dato e ricevuto sempre rispetto. Al di là delle maglie indossate (oltre alla Roma: Milan, Cesena, Vicenza e Salernitana). Tra interviste e filmati d’epoca (addirittura una gaffe di Berlusconi) il film ripercorre la storia del calciatore, fuori e dentro il campo. Dalle prime partite nel campetto della parrocchia, nella periferia romana, ai primi successi sui campi da calcio. Undici metri si presenta come una delle pellicole più interessanti di questo Festival romano e siamo sicuri che il lavoro di Del Grosso sarà apprezzato anche fuori dai confini romani, perché Di Bartolomei non era solo un campione della Roma ma un campione “italiano”, uno sportivo esemplare e un affettuoso padre di famiglia. Ma anche un uomo solo, che nonostante l’affetto di moglie e figlio, si è sentito abbandonato fino a compiere un folle gesto. Fonte

Tags:


About the Author



Commenta il post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑