Curiosità

Published on Luglio 17th, 2010 | by ila

1

George Clooney testimonia al tribunale di Milano

Ieri verso mezzogiorno il bel George Clooney si è recato al Palazzo di Giustizia di Milano accompagnato dall’avvocato Grazia Maria Mantelli e da alcuni assisitenti. Il tema del processo è noto: il suo nome sarebbe stato usato a sua insaputa per promuovere eventi e lanciare una linea di moda. Il tutto risale al 2006. Le tre persone processate con l’accusa di truffa, falso e ricettazione sono Francesco Galdelli, Vanja Gotti e Vincenzo Cannarile.

George Clooney

La testimonianza dell’attore è stata davvero breve: in un’ora e mezza Clooney era già fuori dal tribunale. Davvero il tempo di un film, come ha commentato il giudice Pietro Caccialanza. Naturalmente ad accoglierlo c’era la numerosa folla della stampa, i fotografi, i fans e semplici curiosi. Insomma l’affascinante George Clooney non è passato inosservato nemmeno stavolta. In aula ha risposto alle domande del pubblico ministero Letizia Manella, affermando di non avere mai avuto a che fare con gli imputati e definendo false le diverse fotografie a lui sottoposte nonché la sua firma che appariva su vari documenti appartenenti agli imputati. Gli avvocati difensori hanno poi sottoposto all’attore diverse domande, a tratti esilaranti e fuori luogo e per questo respinte dal giudice. Eccone alcune: «Ha mai conosciuto donne italiane? Ha mai avuto relazioni con donne italiane? Ha avuto una relazione con una donna che si chiama Mara?». Il tutto perché l’imputato Vanja Gotti potrebbe avere avuto una relazione con Clooney come lei stessa afferma e come dichiara anche l’altro imputato Vincenzo Cannarile che all’uscita dall’aula sentenzia:Clooney ha mentito su tutto”. Sarà vera la testimonianza del gigioneggiante attore? Staremo a vedere!

Tags: , , , , , ,


About the Author



One Response to George Clooney testimonia al tribunale di Milano

    Commenta il post

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Back to Top ↑