News

Published on agosto 15th, 2010 | by Elide Messineo

1

Jimmy il Fenomeno chiede aiuto allo Stato e su Facebook

Il suo vero nome è Luigi Origene Soffrano, ma tutti lo conoscono come Jimmy il Fenomeno, personaggio del cinema trash italiano, visto in svariate pellicole ma anche in tv, come in “Drive In“. Il comico è su una sedia a rotelle da sei anni ormai, e a 78 anni spera in un aiuto dello Stato per la sua condizione disagiata. Jimmy il Fenomeno ha parlato a Tv Sorrisi e Canzoni, spiegando di trovarsi nell’istituto “Casa per Coniugi” di Milano, dove non si trova male, ma gli restano solamente 120 euro al mese per vivere, oltre ai soldi che gli vengono detratti per le varie spese di accompagnamento ed assistenza.

Jimmy il Fenomeno

Una condizione che tocca molte persone, non solo dal mondo dello spettacolo. Soffrano però ha deciso di utilzzare internet come strumento per diffondere la sua condizione e chiedere un aiuto. Oltre a sperare nel sussidio Bacchelli, che ha supportato anche altri personaggi come Alda Merini, Umberto Bindi, Tina Lattanzi, Jimmy il Fenomeno chiede aiuto anche ai fan tramite Facebook, lasciando il suo numero di postepay per caricare un euro. La campagna che ha lanciato si chiama infatti “Un euro per Jimmy il fenomeno“, che dice: Se tutti quelli che mi apprezzano versassero anche un solo euro sulla mia carta PostePay (numero 4023 6005 6428 8613, intestata a Luigi Origene Soffrano) mi aiuterebbero a superare meglio questo momento di difficoltà.

Tags: , , , , , , ,


About the Author



One Response to Jimmy il Fenomeno chiede aiuto allo Stato e su Facebook

  1. Claudio says:

    E’ proprio un fenomeno!!! Si è reinventato la catena di S.Antonio a suo favore…mah!!!

Commenta il post

Back to Top ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi