Curiosità

Published on dicembre 10th, 2013 | by sally

1

Le 10 migliori serie tv del 2013 secondo Vulture

Matt Zoller Seitz ha stilato una classifica delle migliori 10 serie tv (americane, ovviamente) dell’anno e al primo posto c’è una sorpresa, perché a trionfare, almeno per questa volta, non è stata la serie “Breaking Bad“.

Tra i titoli troviamo “Girls” e “Hannibal“, che tra l’altro si trova nei posti più alti della classifica ma che non ha ottenuto grandi riscontri di critica al suo esordio. Iniziamo svelandovi l’ultima posizione, occupata da “The Americans” (FX), ambientata negli USA nel periodo della Guerra Fredda, i protagonisti sono due agenti segreti del KGB interpretati da Keri Russell e Matthew Rhys.

Secondo Matt Zoller Seitz la serie “mescola azione e spionaggio con astute osservazioni sulla vita domestica. E la parte sexy era davvero sexy“. Al nono posto troviamo “Scandal” (ABC), della regina del drama Shonda Rhimes:

Non importa con quanta crudeltà i personaggi si attraversino a vicenda, rimangono ancorati emotivamente alla realtà, un netto stratagemma.

Scandal

Scandal

Ottavo posto per “Justified” (FX), la serie con Timothy Olyphant nei panni di Raylan Givens iniziata nel 2010 e arrivata alla sua quarta stagione:

Questo crime drama ambientato in Kentucky è uno dei migliori adattamenti del lavoro di Elmore Leonard perché riesce a catturare senza sforzo il contorto divertimento del maestro nel mostrare come gli altri si ingannino reciprocamente e lo facciano anche con se stessi.

E’ “Girls” ad occupare la settima posizione (HBO), in Italia la serie va in onda su MTV e con la prima stagione si è aggiudicata un Golden Globe, la storia racconta le vicende di quattro amiche che devono ricominciare la loro vita dopo essersi trasferite a New York:

Un finale avvertito come un classico climax da commedia romatica finché non ti soffermi a pensarci per un secondo e ti rendi conto di quanto fosse assolutamente perverso.

Orange is the new black ” (Netflix), sesta posizione, racconta di una donna condannata a scontare quindici mesi di prigione per aver trasportato una valigia contenente soldi per la droga del suo ex amante, Alex Vause, trafficante di droga internazionale.

E’ stata una delle serie più lungimiranti degli ultimi anni, ha presentato una complessa galleria di personaggi con storie riguardanti il razzismo, le classi, il genere, la nazionalità, rivelando una comune umanità.

Quinto posto per la stagione più chiacchierata dell’anno, si tratta di “Game of Thrones” (HBO), che non ha bisogno di grandi presentazioni:

Il sanguinoso capitolo “The Rains of Castamere” della terza stagione si è assicurato un posto nella lista delle scene più terrificanti mai viste in tv.

Boardwalk Empire

Boardwalk Empire

“Boardwalk Empire” (HBO), la serie tv ambientata negli anni del proibizionismo, si assicura la quarta posizione, proprio ai piedi del podio; in onda dal 2010, è ormai arrivata alla quarta stagione:

Ha dominato la storia di Chalky White ma c’è stato anche ricco materiale su Gillian Darmody, Richard Harrow ed Eli Thompson e la decisione di concentrare la serie su una manciata di personaggi lasciando che tutti gli altri avessero un ruolo sullo sfondo ha permesso di far trapelare un tono più fumoso e blues, offrendo a quello che prima era un drama d’intrattenimento concentrato su un periodo, un peso tragico.

Terzo gradino del podio per “Breaking Bad” (AMC), una delle serie tv più premiate quest’anno, giunta a conclusione solo pochi mesi fa:

Prima de I Soprano nessuna serie via cavo era stata scrutata così da vicino e così meritatamente. E soprattutto, era anche divertente.

Al secondo posto troviamo “Hannibal” (NBC), la serie basata sui romanzi di Thomas Harris che nasce come prequel del film “Il silenzio degli innocenti”:

Proprio quando pensi di esserti stancato delle serie tv sui serial killer ed in particolare del super cannibale inventato da Thomas Harris, arriva una serie audace, un horror drama fatto di tavole pittoriche che ricordano installazioni artistiche o la visione rinascimentale dell’inferno. Dal punto di vista visivo e per la sua atmosfera è una delle serie più sorprendenti dai tempi di Twin Peaks, forse dai tempi di Miami Vice, e i co-protagonisti Hugh Dancy e Mads Mikkelsen reinventano il torturato profiler Will Graham e lo psichiatra assetato di sangue Hannibal Lecter come individui in carne ed ossa in cammino attraverso terre fatte di segni e simboli.

Arrested Development

Arrested Development

La prima posizione spetta quindi ad “Arrested Development” (Netflix), che va in onda ormai da dieci anni e nel corso del tempo si è aggiudicata sei Emmy e un Golden Globe insieme a molti altri riconoscimenti e numerosi apprezzamenti da parte della critica.

Quando i critici sostengono che il modello streaming della tv sceneggiata offre nuove opportunità creative agli sceneggiatori, è di questo tipo di racconto che parlano: una commedia epica fatta di intricati tasselli di un mosaico che rivelano un grande disegno quando li guardi per intero.

La classifica al completo

  1. Arrested Development
  2. Hannibal
  3. Breaking Bad
  4. Boardwalk Empire
  5. Game of thrones
  6. Orange is the new black
  7. Girls
  8. Justified
  9. Scandal
  10. The Americans

Tags: , , , , , ,


About the Author



One Response to Le 10 migliori serie tv del 2013 secondo Vulture

  1. ali says:

    La finale di X Factor in diretta anche su Cielo! Giovedì non me la perdo di sicuro…

Commenta il post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑