News

Published on giugno 18th, 2012 | by Marco Valerio

0

1984 di George Orwell sarà di nuovo un film

Il capolavoro letterario di George Orwell potrebbe presto tornare al cinema.

Secondo quanto riferisce Deadline, infatti, la Image Entertainment ha dato il via alla fase di pre-produzione di un film che porterà sul grande schermo “1984”, il celeberrimo romanzo del 1948, esempio insuperabile di letteratura distopica firmato da George Orwell.

La nuova versione cinematografica di “1984” sarà affidata a Noah Oppenheim che è stato ingaggiato in qualità di regista.

In precedenza “1984” era stato trasposto su grande schermo proprio nel 1984 con il film “Orwell 1984” diretto da Michael Radford e interpretato da John Hurt, Suzanna Hamilton e Richard Burton.

“Orwell 1984” è probabilmente il film maggiormente fedele al materiale letterario di partenza, ma il romanzo di Orwell ha ispirato, più o meno diretta, un numero consistente di pellicole.

Un'immagine di Orwell 1984

Tra le più importanti ricordiamo: “1984” (1954) di Rudolph Cartier, adattamento televisivo per la BBC; “Nel duemila non sorge il sole” (1956) di Michael Anderson, produzione cinematografica britannica; “L’uomo che fuggì dal futuro” (1970) di George Lucas, film distopico che coniuga gli orrori di 1984 ed “Il mondo nuovo” di Aldous Huxley. Anche qui i protagonisti puniti per reato sessuale; “Halloween III – Il signore della notte”, sul quale 1984 ha esercitato una grande influenza per quanto riguarda l’aspetto della città di Santa Mira.

Ma l’esempio migliore, e probabilmente più conosciuto, di adattamento da “1984” è senza ombra di dubbio il capolavoro di Terry Gilliam, ovvero “Brazil” con Jonathan Pryce, Robert De Niro e Bob Hoskins. “1984” esercitò una formidabile influenza su Gilliam, si pensi soltanto che il regista avrebbe voluto chiamare il film “1984 ½”, come omaggio sia al libro di Orwell sia al film di Federico Fellini “8½”.

Questa la trama di “1984”:

Il protagonista del romanzo, Winston Smith, è un membro subalterno del partito, incaricato di “correggere” i libri e gli articoli di giornale già pubblicati, cioè modificarli in modo da rendere riscontrabili e veritiere le previsioni fatte dal partito; egli inoltre si occupa di modificare la storia scritta, contribuendo così ad alimentare la fama di infallibilità del Partito stesso. Apparentemente è un tipo malleabile, ma Winston in realtà mal sopporta i condizionamenti del partito e non riesce ad adeguare la propria mente al bispensiero. Accanto a lui agiscono altri due personaggi: Julia, della quale Winston è innamorato (malgrado i divieti del partito) è una giovane che si adatta al partito solo per convenienza, e O’Brien, un importante funzionario nel quale il protagonista vede una figura paterna.

Nonostante il partito imponga la castità, Winston e Julia diventano amanti e decidono di collaborare con un’organizzazione clandestina: così ricevono da O’Brien il manifesto della nascente organizzazione Brotherhood.

Tags: , , , ,


About the Author



Commenta il post

Back to Top ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi