News

Published on novembre 12th, 2018 | by sally

0

Clownado: dopo gli squali, lo splatter coinvolge i clown

Se il titolo vi suona familiare, del tipo “Sharknado”, potete già immaginare di cosa stiamo parlando.Clownado” è la nuova idea del regista Todd Sheets che ha deciso di portare l’horror al livello successivo. Il successo di “Sharknado” nel 2013 è stato quasi inaspettato, tanto quanto i sequel – ben cinque – che sono arrivati dopo. Perché nessuno aveva ancora pensato di fare la stessa cosa con i clown?

I clown non sono di certo una novità ma il tocco di Sheets – immerso nell’horror fin dal 1985 – si vede già dal trailer. Il film è stato così descritto:

L’obiettivo di “Clownado” è di fare un film horror dannatamente buono, spaventoso e pieno di splatter, un ottovolante di emozioni. È qualcosa di nuovo, fresco, originale e unico ma anche familiare.



Uno splatter low cost

Il film si può definire familiare anche perché da sempre, nell’immaginario collettivo, i clown fanno molto spesso paura. Basti pensare a “IT“, che ha terrorizzato un’intera generazione (ed è tornato a farlo con un’altra), per fare solo un esempio. In un’intervista rilasciata a Bloody Disgusting, Todd Sheets ha dichiarato di aver voluto rendere il film visivamente molto simile ai vecchi classici dell’horror. L’effetto b-movie, oltre che assicurato, è voluto. Sheets ha detto:

Immagina La Casa, Splatters – Gli Schizzacervelli, Fuori di testa e Non aprite quella porta se fossero diretti da Lucio Fulci, tutto insieme in un vortice di follia.

Clownado” è stato finanziato con una campagna di crowdfunding su Indiegogo. Il contributo dei fan è stato notevole, Sheets è riuscito a superare il suo obiettivo iniziale, che era stato fissato a 10.000 $. “Non c’è riparo per questa tempesta” recita la tagline del film, che al momento risulta essere ancora in pre-produzione. Per la vostra gioia, però, c’è già un trailer disponibile e molto splatter che potete vedere qui di seguito. Enjoy!

Il trailer di Clownado

Tags: ,


About the Author



Commenta il post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑