News

Published on giugno 22nd, 2018 | by Elide Messineo

0

Hereditary: il film horror dell’estate arriva al cinema il 26 luglio

Sulla locandina si vede una casa con i suoi abitanti e già l’immagine è inquietante quanto basta per capire cosa sia “Hereditary”.

Si tratta del film horror più atteso dell’estate, sarà nelle sale italiane dal 26 luglio, distribuito da Key Films. Nonostante non sia la stagione più apprezzata per andare al cinema, l’estate cinematografica italiana offre molte proposte e l’horror non manca mai. La storia coinvolge una famiglia e le spaventose scoperte a seguito della morte della nonna, Ellen. Il film è diretto da Ari Aster, al suo esordio sul grande schermo dopo aver diretto tre corti. Nel cast troviamo Toni Collette, Alex Wolff, Gabriel Byrne, Ann Dowd.

Al momento “Hereditary” ha ottenuto delle buone critiche, la sceneggiatura è sempre opera di Aster, che ha pensato a un momento in cui lui e la sua famiglia stavano vivendo delle difficoltà:

La situazione era diventata davvero insostenibile, al punto che iniziammo a pensare di essere vittime di una maledizione. Quando si gira un film sulle ingiustizie della vita il genere horror è un terreno di gioco molto particolare. È una sorta di spazio perverso in cui le ingiustizie della vita vengono celebrate se non addirittura glorificate.

Il lavoro di Ari Aster è stato lungo e meticoloso, iniziato ben prima di riuscire a trovare i finanziamenti adatti. Chissà che anche il pubblico italiano non lo ripaghi dopo tutto il lavoro svolto per portare avanti la storia della famiglia Graham. L’appuntamento al cinema è per il 26 luglio.



Hereditary – Le radici del male, la sinossi

Quando l’anziana Ellen muore, i suoi familiari cominciano lentamente a scoprire una serie di segreti oscuri e terrificanti sulla loro famiglia che li obbligherà ad affrontare il tragico destino che sembrano aver ereditato. Lo sceneggiatore e regista Ari Aster trasforma una tragedia famigliare in qualcosa di funesto e di profondamente inquietante, spingendo il genere horror su un nuovo terreno ancora più agghiacciante.

Tags: ,


About the Author



Commenta il post

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to Top ↑