News

Published on gennaio 3rd, 2012 | by Elide Messineo

0

In arrivo “Paranormal Activity 4”

Chi produce film horror ha la strana abitudine, o mania se vogliamo, di prolungare una saga all’infinito, fino a sfinire il proprio pubblico. Questo è quanto è accaduto con la saga di Saw l’enigmista e quanto sta accadendo con Paranormal Activity.

Pensavamo, infatti, che l’incubo (è il caso di dirlo) si sarebbe limitato alla trilogia, ma non è così. La Paramount ha rilasciato in un comunicato stampa tutti i progetti più salienti del 2012, tra i quali figurano “World War Z” con Brad Pitt e “The Dictator” con Sacha Baron Cohen e tra questi spunta timidamente anche “Paranormal Activity 4“.

Paranormal Activity

Chi non fosse già annoiato dal mockumentary, che ormai sembra essere un male incurabile, allora sarà ben lieto di immaginare un nuovo week-end di Halloween con una lotta tra un horror qualunque e il quarto capitolo di questa saga che ogni anno, da ben tre anni, registra sempre un inspiegabile successo. Vada bene per il primo episodio, il pubblico curioso non sa cosa aspettarsi, ma come si spiegano i cinquantaquattro milioni incassati dal terzo al week-end d’apertura?

Tuttavia nel mondo dell’horror la saga non è una novità: abbiamo visto sette pellicole di “Saw“, ben nove film di Nightmare, quattro di “Scream“, tanto per citarne un paio. “Paranormal Activity” è partito come fenomeno a basso costo diretto da Oren Peli, che poi si è trasformato in produttore del franchise che ne è nato. Il primo capitolo è uscito nel 2007, realizzato con poco più di quindicimila dollari, superando i cento milioni di incassi nell’arco di pochissimo tempo. Un successo che ha ragionevolmente portato ad un sequel, in realtà un prequel, diretto da Tod Williams, anch’esso un grande successo, per arrivare al terzo campione d’incassi, ancora un prequel, diretto da Ariel Schulman e Henry Joost. Chi sarà alla regia del quarto, forse atteso, episodio?

 

Tags: , ,


About the Author



Commenta il post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑