Pirati dei Caraibi: oltre i confini del mare" è arrivato nelle nostre sale lo sco..." />

Pirati dei Caraibi: tutto quello che c'è da sapere sul mondo dei pirati | CineZapping





Curiosità

Published on maggio 23rd, 2011 | by Elide Messineo

0

Pirati dei Caraibi: tutto quello che c’è da sapere sul mondo dei pirati

Pirati dei Caraibi: oltre i confini del mare” è arrivato nelle nostre sale lo scorso 18 maggio ed è già un record di incassi al botteghino. Nonostante non siano state raggiunte le cifre degli episodi precedenti e nonostante il cambio di regia, il film si è rivelato nuovamente una garanzia.

Pirati dei caraibi: oltre i confini del mare

Niente più Gore Verbinski ma Rob Marshall dietro la macchina da presa: fuori Orlando Bloom e Keira Knightley, dentro Penelope Cruz e Ian McShane. Un cast stellare, che funziona come sempre e tante, tante curiosità sul mondo dei pirati. Ci sono forse tanti aspetti che non conoscete della vita di un pirata come Jack Sparrow o come i suoi seguaci. Ecco qui di seguito un elenco, una vera e propria “guida piratesca”, nel caso in cui vi venisse in mente di intraprendere questo tipo di carriera! Barbanera – Il pirata più temuto in assoluto, il suo nome doveva essere solo sussurrato perché  gli altri pirati tremassero di paura! Camminare sull’asse – I pirati in genere buttavano i nemici in mare, non li facevano camminare  sull’asse. Carte – Le navi pirata avevano i loro regolamenti, detti “carte”, che venivano stipulati fra  l’equipaggio e il capitano della nave. Questi regolamenti stabilivano inoltre la modalità di condivisione del bottino. (Il capitano, in genere, faceva la parte del leone!) Combinazione dello scrigno – Pare che la combinazione dello scrigno di Davy Jones fosse 32 a  destra, 17 a sinistra e 26 a destra. Dead Man’s Chest – Dead Man’s Chest è una minuscola isola delle Isole Vergini Britanniche, nel  Mar dei Caraibi. Edward Teach – Forse non ci crederete, ma questo è il vero nome di Barbanera! Nacque in  Inghilterra alla fine del 1600. Età d’oro della pirateria – Il periodo di maggiore attività piratesca nell’oceano Atlantico fu fra il 1650 e il 1720. Filibustieri – I filibustieri erano i pirati del Mar dei Caraibi. Si distinguevano dai bucanieri perché  erano pirati di mare, mentre i bucanieri erano pirati dell’entroterra. Fonte della giovinezza – In PIRATI DEI CARAIBI: OLTRE I CONFINI DEL MARE il capitano  Sparrow, alla ricerca della fonte della giovinezza, deve fare i conti con Barbanera, Angelica e Barbossa, anch’essi determinati a trovare uno dei più ambiti tesori della Terra. Gamba di legno – Una necessità per Barbanera, che perse una gamba per via del diabete, ma  una sorta di accessorio alla moda per tanti altri pirati. Alcuni la personalizzavano incastonandola di gioielli. Hector Barbossa – Un abietto pirata, ritornato in vita dalla sua esistenza di non-morto,  Barbossa è il sopravvissuto per eccellenza. Dopo aver perso una gamba — e la Perla Nera — Barbossa divenne capitano della Marina di Sua Maestà alla guida della nave corsara Providence. Insulto – Sebbene fosse una pratica abbastanza comune conservare il teschio della vittima  di un pirata, prendere in giro il teschio (per esempio facendo finta che parlasse in una certa maniera) era considerato un insulto. Jolly Roger – La famosa bandiera con teschio e ossa che contraddistingueva una nave pirata. Kraken – Un enorme mostro, in grado di trascinare negli abissi un’intera nave e la sua ciurma; il  nome compare per la prima volta nella Storia naturale della Norvegia nel 1752. Non morti – Facevano parte dell’esercito di scheletri deambulanti di Jolly Roger e riportati in vita  per impartire la sua sanguinosa vendetta. I non morti hanno memoria, capacità e intelligenza e quindi sono diversi dagli zombie! No Quarter – Una bandiera rosso sangue che i pirati issavano per avvertire i nemici delle loro  cattive intenzioni. On Stranger Tides – Il nuovo film della franchise è un adattamento di un romanzo di Tim Powers,  recante lo stesso titolo, scritto nel 1988. Queen Anne’s Revenge – Era il nome della temutissima nave di Barbanera, con la quale il pirata  catturò, in meno di un anno, un gran numero di imbarcazioni nemiche. Si dice che portasse il nome di una lontana cugina, madre della regina Elisabetta I. Rum – I capitani dei pirati dei Caraibi furono dei grandi consumatori di questa bevanda alcolica,  largamente disponibile e venduta presso le piantagioni di canna da zucchero locali. A volte, vi aggiungevano dell’acqua per farla durare di più e addolcirne il sapore. Sirenette – Creature leggendarie metà pesce e metà donna, utilizzavano la loro bellezza per ammaliare i marinai e trascinarli negli abissi del mare. Syrena– Una bellissima e misteriosa sirenetta, catturata da Barbanera e torturata in PIRATI DEI CARAIBI: OLTRE I CONFINI DEL MARE. Tesoro – Anche se i pirati depredavano numerose navi, pochissimi (per non dire  nessuno) seppellivano i tesori, questo perché spesso di trattava di acqua, cibo, alcool, armi e indumenti. Vitamina C – Spesso, i pirati rimanevano vittima dello scorbuto, una malattia causata dal deficit  di vitamina C, che poteva causare la perdita della vista da un occhio. Ecco perché molti pirati indossavano una benda su un occhio. X – La X contrassegnerebbe il punto in cui sarebbe sepolto il tesoro, ma questa è un’invenzione  cinematografica. Yo Ho, Yo Ho a Pirate’s Life For Me! – Dopo aver appreso questa canzone piratesca da Elizabeth  Swan, Jack Sparrow si ripromette di insegnarla alla sua ciurma, “che l’avrebbe cantata in continuazione!” Zombie – La ciurma di Barbanera nel film PIRATI DEI CARAIBI: OLTRE I CONFINI DEL MARE è  formata esclusivamente da zombie. Soddisfatti? Ora siete pronti per diventare dei veri pirati e se non l’avete ancora letta, ECCO LA NOSTRA RECENSIONE!
On Stranger Tides – Il nuovo film della franchise è un adattamento di un romanzo di Tim Powers,  recante lo stesso titolo, scritto nel 1988.  Queen Anne’s Revenge – Era il nome della temutissima nave di Barbanera, con la quale il pirata  catturò, in meno di un anno, un gran numero di imbarcazioni nemiche. Si dice che portasse il nome di una lontana cugina, madre della regina Elisabetta I.  Rum – I capitani dei pirati dei Caraibi furono dei grandi consumatori di questa bevanda alcolica,  largamente disponibile e venduta presso le piantagioni di canna da zucchero locali. A volte, vi aggiungevano dell’acqua per farla durare di più e addolcirne il sapore.  Sirenette – Creature leggendarie metà pesce e metà donna, utilizzavano la loro  ammaliare i marinai e trascinarli negli abissi del mare.  Syrena– Una bellissima e misteriosa sirenetta, catturata da Barbanera e torturata  CARAIBI: OLTRE I CONFINI DEL MARE.  Tesoro – Anche se i pirati depredavano numerose navi, pochissimi (per non dire  nessuno) seppellivano i tesori, questo perché spesso di trattava di acqua, cibo, alcool, armi e indumenti.  Vitamina C – Spesso, i pirati rimanevano vittima dello scorbuto, una malattia causata dal deficit  di vitamina C, che poteva causare la perdita della vista da un occhio. Ecco perché molti pirati indossavano una benda su un occhio.  X – La X contrassegnerebbe il punto in cui sarebbe sepolto il tesoro, ma questa è un’invenzione  cinematografica.  Yo Ho, Yo Ho a Pirate’s Life For Me! – Dopo aver appreso questa canzone piratesca da Elizabeth  Swan, Jack Sparrow si ripromette di insegnarla alla sua ciurma, “che l’avrebbe cantata in continuazione!”  Zombie – La ciurma di Barbanera nel film PIRATI DEI CARAIBI: OLTRE I CONFINI DEL MARE è  formata esclusivamente da zombie.

Tags: ,


About the Author



Commenta il post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑