News

Published on gennaio 7th, 2012 | by sally

9

Charles Addams e la famiglia Addams nel Doodle di oggi

Oggi il doodle di Google è dedicato a Charles Addams e al centesimo anniversario dalla sua nascita. Come si può dedurre dal cognome, si tratta dell’inventore de La famiglia Addams, il gruppo di macabri personaggi che ha fatto il suo debutto negli anni ’30 con le prime strisce a fumetti. Da lì al mondo della tv il passo è stato breve, Addams ha dato vita ad una serie di personaggi longeva, che ancora oggi riscuote enorme successo.

La famiglia Addams - doodle

Nato il 7 gennaio 1912, Charles Addams si è sempre contraddistinto per i suoi personaggi macabri, capaci però di conquistare il mondo dell’animazione, del cinema e della tv, tra parodie ed omaggi per dei volti senza tempo. Gomez, Morticia, Mercoledì, Pugsley e Fester, oltre che Lurch, la Nonna, Mano e l’ormai celeberrimo cugino It sono conosciuti da tutti, grazie anche al successo riscosso sul piccolo e grande schermo.

Christina Ricci è Mercoledì Addams

Come già detto, i fumetti risalgono agli anni Trenta, mentre nel 1964 ha preso il via la prima serie televisiva creata da David Levy con Carolyn Jones, John Astin, Lisa Loring e Jackie Coogan, rispettivamente nei panni di Morticia, Gomez, Mercoledì e lo zio Fester. Nel 1973, invece, arrivava la serie animata, seguita da quella nuova del 1992, mentre dal 1998 è arrivata “La nuova famiglia Addams”. Tuttavia, in tempi più recenti, i personaggi ai quali il pubblico si è maggiormente affezionato sono sicuramente quelli impersonati  nei film di Barry Sonnenfeld “La famiglia Addams” e “La famiglia Addams 2”, composti da un cast eccezionale: Angelica Houston nei panni di Morticia, affiancata da Raul Julia nei panni di Gomez, un’indimenticaible Christina Ricci ad interpretare Mercoledì, e Christopher Lloyd della trilogia di “Ritorno al futuro” è stato il perfetto zio Fester, capace di accendere le lampadine mettendole in bocca

Personaggi sinistri, ma decisamente simpatici, lo humour nero di Charles Addams è riuscito ad avere un successo che nel corso del tempo non ha fatto altro che fortificarsi. A cento anni dalla sua nascita Google ha deciso di omaggiarlo con uno dei più bei Doodle realizzati di recente.

Tags: , ,


About the Author



9 Responses to Charles Addams e la famiglia Addams nel Doodle di oggi

  1. Marko says:

    ah, interessante, non sapevo che il creatore de ” la famiglia addams” si chiamasse addams.

  2. Fred 0271 says:

    Dei grandi Compagni di mille pomeriggi e altrettante risate :))))))))) Chiamatoooooo

  3. lorenzo says:

    ricordo a malincuore i pomeriggi di tanti anni fa… quando la famiglia Addams era una delle cose più belle e divertenti… e pensare che oggi… non c’è più niente.

  4. Alfò says:

    magnifici e lontani ricordi della serie in b/n.
    Questi di ora li ho visti nei film (li ho visti tutti e due, chiaro, sono un fan della Famiglia) , beh, non voglio dire niente di cattivo, ma…insomma….fanno ciò che possono, però di fronte ai MITICI Addams degli anni 50 sono meno bravi.
    Quoto Marko, perchè anch’io non sapevo che Charles Addams si chiamasse così, e Fred quando imita Lurch

    CHIA-MA-TOO? OOOOORRR…

  5. AngleRei says:

    E come dimenticarli? Ancora adesso mi guardo volentieri i due film (perchè la prima volta che mi trovai “a tu per tu” con gli Addams fu proprio grazie ai due film), che sono un mix perfetto di comicità e noir; in classe impazzivamo per zio Fester e Mano e l’idea di avere un Lurch in classe che spiaccicasse la maestra sul muro ci allettava parecchio XD
    Articolo interessante, mi ha svelato alcuni punti rimasti sino a poco fa oscuri sull’intero universo che ruota attorno a questi splendidi personaggi ^^

  6. maddalena says:

    e… Mano?

  7. carol says:

    molto interessante mia sorella ne va pazza finalmente non mi tortura piu’ una curiosita’ e ancora vivo

  8. sahar says:

    E Mano dove

  9. sahar says:

    Oggi su k2 c’è “La nuova famiglia Addams”.
    Mi potete spiegar come avete fatto a creare Mano?
    Sono curiosa di saperlo.Aspetto una risposta!

    Sahar

Commenta il post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑