Philadelphia" e allo strepitoso Tom Hanks" /> Dallas Buyers Club: la recensione | CineZapping





Recensioni

Published on gennaio 14th, 2014 | by sally

0

Dallas Buyers Club: la recensione

Dallas Buyers Club: la recensione sally
Voto CineZapping

Summary: Matthew McConaughey da Premio Oscar e superbo Jared Leto in un'opera che non si perde nei sentimentalismi, la vera storia di Ron Woodroof.

4.5

Sublime Jared Leto


User Rating: 4.3 (1 votes)

Viene subito da pensare a “Philadelphia” e allo strepitoso Tom Hanks che nel 1994 portava sul grande schermo una storia difficile da digerire tutt’oggi, la lotta contro l’AIDS che viene ripresa oggi da Jean-Marc Vallée nel suo “Dallas Buyers Club“, film che ci regala una memorabile performance di Matthew McConaughey e uno straordinario Jared Leto.

La trama si basa su una storia vera, quella di Ron Woodroof, texano puro, cowboy ed elettricista, bigotto, dal carattere difficile, ossessionato dalle donne e tossicodipendente. Ron ignora tutti i suoi sintomi fin quando non finisce in ospedale e scopre di essere sieropositivo, i dottori gli dicono che ha trenta giorni di vita, il suo carattere non facile non lo fa reagire in maniera gentile alla notizia sconvolgente. Ron farà di tutto per non morire in trenta giorni, si ritroverà in Messico alla ricerca di cure alternative, analizzando il sistema sanitario americano, arrivato troppo tardi a risolvere il problema, negli anni Ottanta all’apice della sua diffusione. Ron inizia piano a piano a smantellare tutti i suoi pregiudizi sulla malattia, che fino ad allora aveva collegato solamente al mondo omosessuale. Ad aiutarlo in questo passo è anche la presenza di Rayon (Jared Leto), un travestito tossicodipendente e malato che vuole cercare una cura migliore. Da qui nascerà il Dallas Buyers Club, un’associazione in cui i soci partecipano con una quota mensile grazie alla quale ricevono farmaci gratuiti. Questo è l’inizio di una vera e propria battaglia, Ron gira il mondo, dal Giappone al Messico, alla ricerca delle cure migliori e meno tossiche per il suo male: da trenta giorni, la sua vita si prolunga per sette anni e molti altri, come lui, ne traggono beneficio. La lotta è difficile, l’FDA continua a contrastare in tutti i modi l’operato di Woodroof, diventato ormai un vero e proprio rivoluzionario e capace di superare i suoi pregiudizi e i limiti del suo carattere attraverso il dolore ed un percorso tanto pesante quanto costruttivo.

Jared Leto

Jared Leto

Dallas Buyers Club” punta dritto verso l’Oscar con delle interpretazioni d’eccellenza: Matthew McConaughey si è ripreso il suo talento, decidendo di dimostrarlo. Con 25 chili in meno, magro in modo impressionante, impersona il ruvido Ron Woodroof in modo impeccabile, gli regala spessore e intensità, coinvolgendo in toto lo spettatore. Impeccabile anche la parte di Jared Leto, Rayon vede la sua vita distrutta, ha paura di morire, ha intrapreso un percorso difficile, che lo ha portato lontano dalla sua famiglia; sogna di essere la reginetta e non intende morire senza il giusto trucco sul suo volto, se ne vuole andare con stile. Per la parte il cantante dei 30 seconds to Mars ha perso ben 30 chili ed anche lui regala un’interpretazione intensa, alla quale forse sarebbe spettato più spazio. E’ poco anche lo spazio che viene offerto a Jennifer Garner, una giovane dottoressa presa dalle ricerche sull’AIDS, che presto si farà coinvolgere dalla causa di Woodroof.

Dallas Buyers Club

Dallas Buyers Club

Il ruolo principale e sempre in primo piano rimane quello di Matthew McConaughey, le storie che ruotano attorno alla sua sono appena visibili, la sua causa e il suo cambiamento sono al centro di tutto, ma nonostante questo “Dallas Buyers Club” è un film che coinvolge ed emoziona, fa riflettere e lascia spiazzati. E’ essenziale, non ha fronzoli, va dritto al punto senza perdersi in sentimentalismi, ogni sensazione sorge spontanea, segue passo dopo passo il percorso dei protagonisti, perfetti ed impeccabili.

Tags: , , , ,


About the Author



Commenta il post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑

' + '', cookieDuration: 365, eventScroll: true, scrollOffset: 20, clickOutside: true, cookieName: 'ginger-cookie', forceReload: true, iframesPlaceholder: true, iframesPlaceholderClass: 'ginger-iframe-placeholder', iframesPlaceholderHTML: document.getElementById('ginger-iframePlaceholder-html') !== null ? document.getElementById('ginger-iframePlaceholder-html').innerHTML : '

This website uses cookies.' + 'Accetta' + '' });