Gossip

Published on aprile 21st, 2011 | by Elide Messineo

0

Catherine Zeta-Jones parla del suo disturbo bipolare

Pochi giorni fa aveva fatto il giro del mondo la notizia su Catherine Zeta-Jones, ricoverata in un centro per la salute mentale perché affetta da disturbo bipolare. La notizia si è rivelata preoccupante, ma per l’attrice l’ultimo anno è stata una dura prova da affrontare, poiché è rimasta sempre accanto al marito, Michael Douglas, che ha dovuto lottare contro un cancro alla gola.

Catherine Zeta-Jones

Le cose per fortuna sono andate bene, ma adesso Catherine Zeta-Jones deve riprendersi da questo lungo periodo negativo e People ha deciso di dedicarle la nuova copertina. L’attrice, inoltre, ha dimostrato di non provare imbarazzo per la sua situazione, dopotutto non ce n’è motivo ed ha parlato apertamente del suo problema. Il disturbo bipolare o, in maniera più spaventosa, psicosi maniaco-depressiva, è una malattia che affligge molte persone e si caratterizza per l’alternanza di momenti di eccitazione a momenti di depressione. Quello di cui soffre l’attrice, è il disturbo bipolare di tipo II, in cui si verificano un episodio di tipo ipomaniacale (sostanzialmente diminuisce il sonno, si diventa loquaci, eccessivamente attivi e distratti) ed un disturbo depressivo. A People, Catherine Zeta-Jones ha spiegato:

È un disturbo che affligge milioni di persone e io sono una di loro. Se l’aver rivelato di essere affetta da disturbo bipolare II ha incoraggiato una persona a cercare aiuto, allora ne è valsa la pena. Non c’è bisogno di soffrire in silenzio e non c’è vergogna nel chiedere aiuto.

Per l’attrice, parlarne è un gesto che si rivela doppiamente utile: per lei e per chi ha lo stesso problema. Ma non sarà passato troppo poco tempo dalla sua rivelazione alla copertina del magazine?

Tags: ,


About the Author



Commenta il post

Back to Top ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi