News

Published on settembre 19th, 2010 | by Elide Messineo

5

Gabriel Garko fa boom d’ascolti anche a “C’è posta per te”

Da anni ormai Maria De Filippi è la regina del prime time con lo strappalacrime “C’è posta per te“. Ieri sera ha preparato una super puntata con due ospiti d’eccezione: Gabriel Garko e David Beckham. Acclamato in realtà più il primo che il secondo, gli ospiti hanno portato alla trasmissione ben cinque milioni di spettatori (4.992.000 ad essere precisi), con uno share del 26,21%. Arrivato alla decima edizione, è chiaro che la formula del programma sia quella vincente, ogni sabato sera sbaraglia tutti gli altri programmi sulle altre reti, tenendo lo spettatore incollato allo schermo; Fabrizio Frizzi con “I soliti ignoti – Identità nascoste” non può fare altro che alzare bandiera bianca.

C'è posta per te

Maria De Filippi si gioca la carta Gabriel Garko fin da subito, è il primo ospite della serata, accolto dagli applausi del pubblico che non smettono più. Nonostante tutto, per qualche misterioso motivo Garko rimane uno degli attori più amati in Italia e lo conferma proprio l’accoglienza del pubblico ed ovviamente lo confermano anche i dati dell’audience. Anche David Beckham, però, fa la sua parte. Padre e giocatore esemplare, inserito all’interno di una storia commovente. Funziona così, lo scopo della tramissione è quello di strappare emozioni al pubblico con storie struggenti di gente che va a mettere i cavoli propri di fronte a tutta Italia ed ospiti attesi, richiesti ed amatissimi. E così ecco che ancora una volta, per una nuova edizione, Maria De Filippi si aggiudica il primato della stagione per la prima serata. O osate avere qualche dubbio per le prossime puntate?

Tags: , , , , ,


About the Author



5 Responses to Gabriel Garko fa boom d’ascolti anche a “C’è posta per te”

  1. indie says:

    ma secondo te funziona così anche in tutti gli altri paesi o siamo solo noi italiani a mitizzare il vuoto cosmico?

    • sally says:

      Ma no, sono dell’idea che la leggiadria di argomentazioni sia apprezzata in tutto il mondo. La tv trash è amata in molti paesi, specie negli USA, con la differenza che noi ci amiamo et critichiamo pesantemente, loro si amano e basta!

  2. indie says:

    ben venga la leggerezza,perchè a volte [sempre] si fa confusione e si etichetta l’esigenza di una leggerezza meno trash con una pretesa intellettualoide [come se essere intellettuali poi fosse una cosa brutta..] ma insomma qua la tendenza è sempre molto verso il basso.
    inizio però ad aver paura che tra qualche anno per non essere troppo fonte di cultura si leverà Dante dalle scuole e si introdurranno le produzioni di Moccia&co…

    • sally says:

      Il problema infatti è la mancanza di equilibrio tra leggerezza e necessità. Non potremo stare sempre a discutere di problemi sociali, economici e quant’altro, ma nemmeno sempre di tette rifatte e liposuzione. Moccia viene considerato letteratura e della letteratura vera nessuno sa più niente. Apriranno la nuova inquisizione, lo sento. E comunque sì, “intellettuale” è una cosa negativa, l’intellettuale sta sempre lì a dire la sua e in un Paese come il nostro non va proprio bene. Devo dire che a me gli intellettuali piacciono molto e mi piacerebbe essere tale, qualcuno ha osato usare il termine con me, ma l’ha detto con disprezzo. Cosa c’è di male nell’avere cultura ed opinioni non l’ho capito mai.

  3. indie says:

    c’è di male che la cultura,televisivamente parlando,non fa ascolti.
    a livello sociale annoia,chissà perchè.

Commenta il post

Back to Top ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi