Varie

Published on aprile 20th, 2012 | by Elide Messineo

0

Il Cavaliere Oscuro – Il ricorso: intervista a Giuseppe Stasi e Giancarlo Fontana

Avevamo parlato di loro ai tempi del Rubygate, quando l’Italia e il mondo intero parlavano di Silvio Berlusconi e di Ruby Rubacuori, e Giancarlo Fontana e Giuseppe Stasi lanciavano il video sul processo dell’ex premier, ispirato a “Inception” di Christopher Nolan.

E’ passato un anno da allora e i due amici hanno fatto molta strada, il loro talento è stato subito notato e adesso in rete impazza un nuovo video. Ancora una volta la “rivisitazione” di un film di Christopher Nolan, ma questa volta si tratta di Batman, per “Il Cavaliere Oscuro: il ricorso“. Satira pungente e risate amare, molto amare: Giancarlo Fontana e Giuseppe Stasi in pochi minuti realizzano un ritratto dell’Italia basandosi su kolossal che hanno segnato la storia del cinema, raccontando la storia del nostro Paese. Abbiamo deciso di conoscerli più da vicino e di fare loro qualche domanda, per andare anche oltre il loro apprezzatissimo lavoro.

Giancarlo Fontana e Giuseppe Stasi

E’ passato un anno da quando il vostro video sul processo Berlusconi ha conquistato la rete. Cosa è cambiato da allora?

Giuseppe Stasi: Beh, prima di tutto è cambiata la piattaforma di comunicazione… dal web alla prima serata di La 7! E ovviamente è cambiato il nostro modo di lavorare. Abbiamo avuto la possibilità e i mezzi necessari a migliorare le nostre tecniche di produzione e post-produzione, maturando anche una satira più adulta, e questo grazie anche ai nostri co-autori Marco Lupo Angioni e Daniel Franchina, e a preziosi collaboratori tecnici come Lorenzo D’Angella. Questa crescita continua, questo metterci continuamente alla prova sul fronte di nuovi linguaggi e stili innovativi ci ha fatto approdare nel tempio di Sabina Guzzanti e del suo team. Un sogno, se si pensa che siamo cresciuti con quel tipo di comicità, grazie a programmi di culto come PIPPO CHENNEDY SHOW e L’OTTAVO NANO.

Dal nuovo video e dalla vostra S.r.l. è più che evidente il vostro amore per Christopher Nolan. Da dove nasce questa passione per il regista? Siete mai riusciti ad avere contatti con lui?

Giancarlo Fontana: Posso dire che Nolan è il mio regista preferito, ma sono parecchi gli autori che hanno giocoforza condizionato il nostro approccio alla settima arte. Quando – i primi anni di Università – io e Giuseppe collaboravamo ai primi cortometraggi, c’è stato una specie di scambio culturale: io mostravo a lui i film di Nolan, di David Fincher, di Guy Ritchie, e lui mi faceva scoprire autori come di Polanski, Petri, Monicelli. E’ mettendo assieme queste reciproche influenze che abbiamo costruito i nostri primi esperimenti, un ulteriore esercizio, prima di metterle seriamente a frutto sul fronte della satira sociale e politica. Contatti con Nolan purtroppo non ce ne sono stati. Certo, è molto più facile che sia lui a mettersi in contatto con noi (per farci causa, probabilmente), piuttosto che il contrario!

Fino ad ora abbiamo visto dei trailer della durata di pochi minuti, avete pensato, invece, di girare un lungometraggio?

Giuseppe Stasi: Ormai è un sogno ricorrente. Ma aspettiamo di avere il giusto grado di competenza, e di maturità artistica.

La rete vi ha portato molta fortuna: oggi avete un blog su Il fatto quotidiano e la Guzzanti vi ha voluti nel suo nuovo programma. Visto che l’immaginazione non vi manca, come pensate che sarebbe andata senza internet?

Giancarlo Fontana: Sarebbe stata una fatica insormontabile. Tenendo soprattutto presente che il frutto del nostro successo è il passaparola. Ma una cosa è certa: non ci saremmo arresi!

Vi lasciamo al video de “Il Cavaliere Oscuro – Il ricorso“, facendo un grande in bocca al lupo a questi due giovani talenti, buona visione!

 

Tags: , , ,


About the Author



Commenta il post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑