Recensioni

Published on febbraio 6th, 2014 | by Alessandro Testa

2

“Justin Bieber’s Believe”: la recensione

“Justin Bieber’s Believe”: la recensione Alessandro Testa
Voto CineZapping

Summary: Uno spot "allungato" che mostra Justin Bieber come il classico bravo ragazzo arricchito che mantiene la testa sulle spalle. Poco credibile ed anche poco originale.

1

Fiera delle banalità


User Rating: 1 (3 votes)

Urla, canzoni, frasi banali, balletti e aneddoti da libro cuore. Così si riassumono i 92 minuti scarsi di “Justin Bieber’s Believe“, secondo film (firmato da Jon Chu) riguardante il percorso artistico del fenomeno pop canadese e prodotto da Bieber Time Films, Scooter Braun Films e Dolphin Films.

A distanza di 2 anni dal primo docu-concerto (“Never Say Never“), Justin Bieber torna sul grande schermo (solo per due giorni, il 4 e 5 Febbraio) per raccontare l’irraccontabile: il suo successo vissuto con sorprendente normalità, la sua bontà, il bellissimo rapporto con le fan, l’umiltà e la sua bravura artistica (unica cosa su cui non discutiamo).

Justin Bieber's Believe

Justin Bieber’s Believe

Unite insieme tutti questi elementi e avrete il nuovo film di Justin Bieber: un’accozzaglia di sentimentalismi, concerti esplosivi e canzoncine orecchiabili spacciate per capolavori.

Il vero obiettivo dello “spettatore non Belieber” è trovare un senso all’esistenza di un film simile, che non sia quello di pubblicizzare semplicemente il “prodotto Justin“, macchina da soldi che in questi mesi sta già pagando il prezzo del suo successo (Leggi qui). La regia di Jon Chu è totalmente assente, o perlomeno insignificante, dato che il film è un montaggio dei backstage, concerti e interviste. Nessun omaggio a Fellini o Clint Eastwood, mi dispiace. Jon Chu riesce addirittura a non omaggiare neanche se stesso.

Dal film esce l’immagine di un Justin Bieber perfetto, carino con tutti, sexy, spiritoso, amichevole, religioso e che sa far tutto. Lui cura la regia del film, la regia di un suo video, lui scrive canzoni, lui produce canzoni… Benvenuti nel falso mondo dello spettacolo.

Justin Bieber | © Kevin Winter / Getty Images

Justin Bieber | © Kevin Winter / Getty Images

“Ciak, si gira!” e partono le lacrime nel menzionare Avalanna Routh, bambina di 6 anni affetta da un raro tumore al cervello e scomparsa nel Settembre 2012, nonchè altro strumento che Justin dimostra di saper suonare molto bene. Perchè se uno si commuove lo deve dire chiaramente, in diretta, davanti al suo pubblico; così fa pure audience. Che poi le volesse davvero bene non lo mettiamo in dubbio, ma vuoi mettere far vedere tutta la sua umanità?

Insomma, “Justin Bieber’s Believe” è solo uno spot un po’ più lungo, che tende ad esaltare la figura di un ragazzino ricco, famoso, ma con la testa sulle spalle. Perché l’importante, come dice lui, è credere nei propri sogni. Frasi profonde vendute come passi del vangelo. E’ in questi momenti, così frivoli e banali, che Justin arriva più in basso dei pantaloni che indossa.

In poche parole, il film è sconcertante, ma sarà senz’altro un successo al botteghino. Non abbiamo idea di quanto possa essere costata una pellicola simile; ma se Jon Chu e Justin Bieber avessero aspettato ancora qualche mese, con un semplice click e un risparmio di tempo e denaro considerevole avrebbero potuto condividere il loro personale film di Facebook da un minuto e mezzo. Sarebbe senz’altro venuto meglio.

Tags: , ,


About the Author

Scrittore per diletto, appassionato di libri, scrittura creativa, film e pallone. Polemico di natura, sognatore, pragmatico, incoerente. Astenersi perditempo.



2 Responses to “Justin Bieber’s Believe”: la recensione

  1. Lena says:

    Non la penso affatto come te. Disprezzi Justin Bieber, ed è ovvio che non avresti potuto scrivere altro se non critiche su di lui. Questa cosa fa davvero tanto pena. Ti sarai sentito realizzato tu, che ti devo dire. Di certo non puoi basarti guardando i telegiornali (Il loro scopo è sempre quello di criticare), e poi guardare il film. Non potresti capire, è questo. E’ diverso seguire una persona per TUTTO, e seguire una persona per I SUOI ERRORI. Quindi questa recensione non ha davvero alcun senso:)

    • Alessandro Testa says:

      Cara Lena,

      Mi spiace, ma ti sbagli: se l’avessi disprezzato non avrei nemmeno perso tempo a guardare il suo film. Sono andato al cinema ed ho espresso un mio giudizio su quello che per me è una ‘pellicola’ senza capo né coda.

      Buona giornata

Commenta il post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑