News

Published on aprile 17th, 2014 | by sally

0

“La trattativa”, il nuovo film di Sabina Guzzanti

Sabina Guzzanti è sempre pronta ad affrontare i problemi più scomodi della nostra Italia amata e odiata. Dopo i documentari “Draquila” e “Franca, la prima“, incentrati rispettivamente sul terremoto a L’Aquila e Franca Valeri, arriva un nuovo lavoro, ancora più scomodo.

Si tratta de “La trattativa”, che si occupa appunto della trattativa Stato-Mafia, un caso sempre molto discusso, ma mai risolto.

E’ online il sito ufficiale del film, diviso in sezioni: già alla prima occhiata non si può fare a meno di notare quante informazioni il sito contenga, in primis sui principali responsabili della trattativa tra lo Stato e la Mafia negli anni Novanta. C’è una sezione blog che si occupa di tutti gli aggiornamenti sull’argomento, con gli ultimi sviluppi delle indagini. E’ senza dubbio interessante la parte “Wikitrattativa” che oltre a presentare i personaggi responsabili, permette agli utenti di dare il loro contributo e aggiornare le informazioni, proprio come Wikipedia.

La trattativa

La trattativa

C’è anche un’altra sezione molto importante, “Noi non trattiamo” infatti raccoglie tutte le associazioni e gli organi di informazione che ogni giorno si occupano di lotta alla mafia, con tanto di segnalazioni su tutte le iniziative a riguardo.

Sabina Guzzanti ha iniziato a lavorare in televisione alla fine degli anni Ottanta con Enzo Trapani e Antonio Ricci, iniziando ad ottenere i primi successi soprattutto nei programmi di satira, ospitata spesso e volentieri da Serena Dandini. La satira politica e le imitazioni rimangono la sua specialità, il suo primo lungometraggio è “Bimba” e risale al 2002, sono opere sue anche “Viva Zapatero!” e “Le ragioni dell’aragosta“. Attiva anche sul fronte teatrale, Sabina Guzzanti si impegna a livello politico, senza mai dimenticare di suscitare polemiche. Quando si avvicina lei o il fratello Corrado, i politici iniziano a tremare, infatti è stata accusata di vilipendio nei confronti del Papa e condannata per diffamazione nei confronti di Mara Carfagna. Insomma, è un personaggio da tenere d’occhio, andate ad informarvi sul suo ultimo lavoro direttamente sul sito!

Tags: ,


About the Author



Commenta il post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑