Lust for life" di Iggy Pop in sottofondo e n..." />

T2: il ritorno di "Trainspotting", 21 anni dopo





News

Published on Luglio 27th, 2016 | by sally

0

T2: il ritorno di “Trainspotting”, 21 anni dopo

Si sentono ancora le note di “Lust for life” di Iggy Pop in sottofondo e no, non è nostalgia canaglia, è il teaser trailer di “Trainspotting 2“, sono passati 21 anni ma ogni cosa sembra essere al giusto posto.

Danny Boyle è tornato alla regia del film che lo ha consacrato al successo cinematografico, ritroviamo anche i vecchi amici Renton (Ewan McGregor), Spud (Ewen Bremner), Sick Boy (Jonny Lee Miller) e Begbie (Robert Carlyle). L’appuntamento è fissato per il 27 gennaio 2017 nel Regno Unito.

T2, di cosa parlerà il sequel di Trainspotting

La storia si basa su “Porno” di Irvine Welsh, sequel letterario di “Trainspotting“, ma non sarà interamente fedele. Nel libro, infatti, tutto si svolge a 9 anni di distanza rispetto al precedente, in questo caso di anni ne sono passati 21 e mai una volta che il film abbia avuto un acciacco. Rimane tutt’oggi un grande cult, con l’indimenticabile monologo “Scegliete la vita, scegliete un lavoro, scegliete una carriera, scegliete la famiglia…“che ormai tutti conosciamo fin troppo bene.

Cos’è cambiato rispetto al primo “Trainspotting“? Che i protagonisti del film non sono più ossessionati dall’eroina ma dalla pornografia. Il primo film ha riscosso un successo notevole, per cui le aspettative per questo sequel sono notevoli, Danny Boyle lo sa bene e ha dichiarato che ogni personaggio è dove dovrebbe essere e che la storia è molto più solida rispetto alla precedente. Nel 1996 usciva “Trainspotting“, nominato agli Oscar per la migliore sceneggiatura originale e inserito nel 1999 al decimo posto della lista dei migliori cento film britannici del XX secolo dal British Film Institute.

Non ci resta che lasciarvi al teaser trailer di “T2“, date un’occhiata ai ritrovati Renton, Spud, Sick Boy e Begbie, che ve ne pare?

Tags: , , , ,


About the Author



Commenta il post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑