Scream Queens" mi è venuta subito in mente l'evoluzio..." />

Scream Queens: inizia la commedia dell'orrore | CineZapping





Recensioni

Published on settembre 23rd, 2015 | by sally

0

Scream Queens: inizia la commedia dell’orrore – Recensione dei primi due episodi

Quando ho letto la trama di “Scream Queens” mi è venuta subito in mente l’evoluzione di un episodio preciso di “American Horror Story: Coven” ed anche in questo caso Ryan Murphy e Brad Falchuck non hanno rinunciato all’horror ma sempre nel modo più glamour possibile. Ha debuttato ieri negli USA con i primi due episodi la nuova serie tv con protagonista Emma Roberts nei panni della “mean girl” Chanel Oberlin. La trama è colorita, siamo in un prestigioso campus universitario dove un serial killer semina il panico e con la confraternita KKT della Kappa House che nasconde molti segreti. La serie promette di farsi sempre più contorta, per il momento l’esordio è più che valido: “Scream Queens” mette insieme i tipici film da college americano con i classici dell’horror che hanno come protagonisti dei teenagers, comprese le parodie demenziali. Sembra esserci un pizzico di “Gossip Girl” oltre che di “Coven“, le battute sono sempre sagaci, su questo non avevamo dubbi. I personaggi, dal primo all’ultimo, sono tutti ben caratterizzati e tutti insieme compongono un puzzle che altro non è che lo specchio della società in cui viviamo. Le risate non mancano, soprattutto di fronte alle brillanti battute di Chanel, ma spesso e volentieri sono amare (nessuno spoiler, ma tenete a mente la scena che ha come protagonista Ariana Grande, che tocca l’apice dell’assurdità e dell’amarezza, ma che una risatina la strappa comunque).

Lea Michele

La storia di “Scream Queens” parte dagli anni Novanta ma si svolge prevalentemente ai giorni nostri con la preside Dean Munsch (Jamie Lee Curtis) decisa come non mai a fare la guerra alla viziata e cattiva Chanel, che si approfitta delle sue “minions” o lacchè che dir si voglia Chanel n° 2 (Ariana Grande) e Chanel n° 3 (Billie Lourd). Al campus arriva la giovane e ambiziosa Grace (Skyler Samuels), determinata ad entrare nella confraternita per seguire le orme della madre. La selezione è davvero molto rigida e stare al passo con Chanel non è semplicissimo. Ad aiutare Grace nella sua impresa c’è però la decisione della Munsch, che decide di aprire l’ingresso nella KKT a chiunque: arriva così un gruppetto di ragazze un po’ freak, un po’ sfigate, tra le quali spicca un’irriconoscibile Lea Michele (Glee) nei panni di Hester, insieme a Zayday (Keke Palmer), la compagna di stanza di Grace, la sorda Tiffany (Whitney Meyer) ossessionata da Taylor Swift,e la lesbica “Predatory Lez” (Jeanna Han) con Jennifer (Breezy Eslin) – anche in questo caso ci sarà una scena memorabile che riguarda la “candle vlogger“. Un gruppo sopra le righe, pronto a fare qualunque cosa pur di compiacere Chanel, in cui pare che non tutte abbiano le rotelle a posto. Tra gli altri personaggi che non ci devono sfuggire ci sono il popolarissimo e ottuso Chad (Glenn Powell), sempre in compagnia dell’amico Boone (Nick Jonas). Sicuramente avrà un ruolo importante Oliver Hudson nei panni del protettivo e affascinante padre di Grace, corteggiato sia dalla preside che da Gigi.

Di citazioni ce n’è a bizzeffe, pensiamo a “Cruel Intention” ma anche a “Dirty Dancing“, “Scream Queens” dietro tutti i suoi colori nasconde una parodia del mondo odierno dove, riprendendo una frase pronunciata dal Gigi (Nasim Pedral), i giovani di questa generazione sono stati cresciuti tra i vizi da genitori che li hanno lasciati vivere comodamente. Ogni personaggio con tutte le sue sfumature, corrisponde ad uno spicchio della realtà in cui viviamo: c’è il bullismo, il razzismo, l’ipocrisia, l’ambizione sfrenata. Tutto contornato da una serie di omicidi che terrorizzano tutti gli studenti del campus, il serial killer è un diavolo rosso che viene spesso avvistato ma che poi fa perdere le sue tracce… Non vediamo l’ora di scoprire di chi si tratta.

Emma Roberts

Tags: , , , , , ,


About the Author



Commenta il post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑