Video

Published on maggio 19th, 2014 | by Elide Messineo

0

“Cam Girl” dal 22 maggio al cinema: il trailer

Ragazze che spogliano in webcam per guadagnare soldi, al giorno d’oggi non è più una novità ma piuttosto un fenomeno, il 22 maggio arriva in sala “Cam Girl”.

Il film tratta proprio questo argomento, raccontando le storie di quattro ragazze che si spogliano online per avere soldi in cambio. Oggi vi mostriamo il trailer del film che sarà nelle sale da giovedì prossimo, qui sotto trovate la sinossi.

Alice, Rossella e Martina sono ragazze come tante, con i loro sogni e le loro aspirazioni. Le tre, oltre a una solida amicizia, hanno una cosa in comune: fanno le cam girl. In un periodo in cui la crisi ha ridotto i salari e il lavoro fisso sembra una chimera, per tre belle ragazze il modo più semplice e rapido per sbarcare il lunario è mostrarsi nude in webcam. Il guaio è che l’agenzia per la quale lavorano, la Sexycam, accampa scuse per non pagare il dovuto. Quando Alice apprende che lo stage presso l’agenzia pubblicitaria non si trasformerà, come sperato, in un’assunzione, decide che è giunta l’ora di prendere in mano il proprio destino e quello delle sue amiche, anche loro stanche di essere sfruttate per pochi euro. L’idea di Alice è semplice quanto rischiosa: mettersi in proprio per allestire una loro agenzia di cam girl. Alle tre si Gilda, 22enne cameriera del bar dove le ragazze di solito si riuniscono. Per avviare il loro nuovo sito, ‘Cam Together’, Alice si serve dell’aiuto di Giovanni, un abile e scaltro dirigente dell’agenzia pubblicitaria dove anche lei lavorava. Ma l’iniziale euforia è destinata ben presto a spegnersi quando subentrano le prime difficoltà, economiche e sentimentali delle ragazze.

Nel cast di “Cam Girl” troviamo Antonia Liskova, Sveva Alviti, Alessia Piovan, Ilaria Capponi e la partecipazione straordinaria di Marco Cocci, Enrico Silvestrin e Maria Grazia Cucinotta. La regista Mirca Viola ha dichiarato sul film:

Quello che mi ha colpito è stato il numero sempre più consistente di donne che finiscono dentro questa rete per aiutare le famiglie in difficoltà. Mentre fino a qualche anno fa eravamo pronti a condannare chi esercitava questa attività per rincorrere un guadagno facile, oggi viene normale comprenderli, visti i dati allarmanti della disoccupazione, soprattutto quella giovanile. Si stimano circa 140 mila clienti al mese per un giro d’affari che va da 1 a 2 miliardi di euro annui. Sono i numeri a fare di questo mercato un vero e proprio business che in Italia è tutt’oggi illegale.

Tags:


About the Author



Commenta il post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑