Recensioni

Published on 28 Agosto, 2013 | by alessandro ludovisi

0

This is us: la recensione

This is us: la recensione alessandro ludovisi
Voto CineZapping

Summary: Il montaggio è piuttosto frenetico, tiene il passo con le esuberanze musicale dei protagonisti. Ritratto piatto e discretamente rappresentato.

1.5

Biografia didascalica


User Rating: 0 (0 votes)

Talent e  boy band: una accoppiata che per questioni di immagine, visibilità e stimolazione delle masse sembra ormai indissolubile e un passo obbligato per il successo.

Non sempre l’alchimia musica/tv funziona e al visibilio dei fan si sostituisce un doloroso anonimato. Non è il caso degli One Direction, ovvero il fenomeno musicale del momento. La boy band anglo irlandese, nati da una idea di Simon Cowell, hanno riscosso un successo planetario arrivando a bruciare le tappe e proponendosi come uno tsunami musicale che, con i dovuti paragoni per qualità della musica periodo storico e influenza sul pubblico, si avvicina a quello dei Fab Four di Liverpool.

Il film

Gli One Direction sbarcano sul grande schermo con il film “This is us”, in 3D, del documentarista Morgan Spurlock (“Super Size Me”) che ha seguito i cinque ragazzi ripercorrendo le loro origini, i provini a X Factor, le lacrime, il successo, il forte cameratismo (nonostante si siano presentati come singoli a X Factor per poi esser riciclati come gruppo), il rapporto tenero e commovente con le famiglie d’origine (a causa del successo dei ragazzi le occasioni per rivedere i propri cari si sono ridotte drasticamente) e quello con le fan che, secondo una teoria espressa da un neurologo, sarebbero “eccitate” a causa degli effetti musicali che stimolerebbero le endorfine.  Nel film grande spazio alle performance del gruppo che sono i protagonisti assoluti di questo progetto cine-biografico concepito  e destinato per una determinata fascia d’età, e non potrebbe essere altrimenti.

This is us

This is us

Giudizio

Morgan Spurlock capace di indagare e smascherare le problematiche alimentari derivanti da un utilizzo indiscplinato e costante di cibo da fast food (arrivando a proporsi come cavia e capace di ingerire cibo di Mc Donalds per tre pasti al giorno per un mese di tempo, correndo grossi rischi per la salute) questa volta si limita a rappresentare  il fenomeno in maniera piuttosto asettica non  scavando nel “torbido” ma limitandosi a una didascalica biografia del gruppo senza pungere come se il progetto fosse semplicemente assegnato e non agognato. Il montaggio è piuttosto frenetico, anche per tenere il passo con le esuberanze musicale dei protagonisti, ma quello che traspare è un ritratto piatto e artificiosamente costruito anche se discretamente rappresentato. L’obiettivo, tuttavia,  è raggiunto, il lato umano della boy band ha il sopravvento sul divismo  e nonostante possa sembrare che i cinque siano stati inghiottiti in una realtà ben più grande della loro tenera età, compresa una trasferta “umanitaria” in Ghana ad incontrare ragazzi meno fortunati, i complimenti non mancheranno, come quelli  ricevuti nel backstage  dal regista Martin Scorsese, autore di documentari su Bob Dylan e George Harrison. E scusate se è poco.

Tags: , , , , ,


About the Author



Commenta il post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑